Eventi FCCR

Prossimi eventi

Home

 Mapplethorpe e1551098668830

Robert Mapplethorpe. L’obiettivo sensibile

Roma, Galleria Corsini

dal 15 marzo al 30 giugno 2019

Un inedito accostamento delle opere del fotografo americano, a 30 anni dalla morte, con i quadri ospitati nella settecentesca Galleria Corsini.

La scelta di accostare l’opera di un maestro della fotografia del secondo Novecento con i quadri di tre secoli fa (ed è la prima volta che accade) rende unica la mostra “Robert Mapplethorpe. L’obiettivo sensibile”  e ha diversi significati. Li spiega la curatrice della mostra, Flaminia Germani Sartori. Primo, la passione per il collezionismo che accomuna Mapplethorpe e il creatore della collezione di quadri ospitati alla Galleria Corsini, il cardinale Neri. Ma poi ci sono aspetti in comune tra il gusto del Settecento e il lavoro di Mapplethorpe: egli avrebbe apprezzato il gusto per la simmetria, per l’euritmia e per la varietà compositiva che ispirano la collocazione dei quadri. Accanto ad essi vengono esposte 45 opere in bianco e nero di Mapplethorpe, scelte attorno ad alcuni temi della sua fotografia: le nature morte, la statuaria classica, i paesaggi e la composizione rinascimentale.

Galleria Corsini, Roma, Via della Lungara, 10 Dal mercoledì al lunedì dalle 8.30 alle 19.00. La biglietteria chiude alle 18.00.

Tel. 06-4824184 https://www.barberinicorsini.org/evento/robert-mapplethorpe-lobiettivo-sensibile

FIAF

Appuntamenti

Concorsi

Concorsi Fotografici

Testi

RizVN Login

Autore del mese

Icaro e il Tempio della concordia copia

Giacomo Arezzo di Trifiletti

 

Frase del mese

Tiziano Terzani   Per un vero fotografo una storia non è un indirizzo a cui recarsi con delle macchine sofisticate e filtri giusti. Una storia vuol dire leggere, studiare, prepararsi. Fotografare vuol dire cercare nelle cose quel che uno ha capito con la testa. La grande foto è l’immagine di un’idea.

Tiziano Terzani

Spazio Break

LogoBreak20png

 

 

Dal gennaio 1994 è operativo, nei locali della sede sociale, uno spazio espositivo, denominato BREAK, dedicato a mostre personali e collettive, presentate sia da soci del Foto Club che da autori esterni