Eventi FCCR

Prossimi eventi

Home

 Mapplethorpe e1551098668830

Robert Mapplethorpe. L’obiettivo sensibile

Roma, Galleria Corsini

dal 15 marzo al 30 giugno 2019

Un inedito accostamento delle opere del fotografo americano, a 30 anni dalla morte, con i quadri ospitati nella settecentesca Galleria Corsini.

La scelta di accostare l’opera di un maestro della fotografia del secondo Novecento con i quadri di tre secoli fa (ed è la prima volta che accade) rende unica la mostra “Robert Mapplethorpe. L’obiettivo sensibile”  e ha diversi significati. Li spiega la curatrice della mostra, Flaminia Germani Sartori. Primo, la passione per il collezionismo che accomuna Mapplethorpe e il creatore della collezione di quadri ospitati alla Galleria Corsini, il cardinale Neri. Ma poi ci sono aspetti in comune tra il gusto del Settecento e il lavoro di Mapplethorpe: egli avrebbe apprezzato il gusto per la simmetria, per l’euritmia e per la varietà compositiva che ispirano la collocazione dei quadri. Accanto ad essi vengono esposte 45 opere in bianco e nero di Mapplethorpe, scelte attorno ad alcuni temi della sua fotografia: le nature morte, la statuaria classica, i paesaggi e la composizione rinascimentale.

Galleria Corsini, Roma, Via della Lungara, 10 Dal mercoledì al lunedì dalle 8.30 alle 19.00. La biglietteria chiude alle 18.00.

Tel. 06-4824184 https://www.barberinicorsini.org/evento/robert-mapplethorpe-lobiettivo-sensibile

FIAF

Appuntamenti

Concorsi

Concorsi Fotografici

Testi

RizVN Login

Autore del mese

Icaro e il Tempio della concordia copia

Giacomo Arezzo di Trifiletti

 

Frase del mese

Rodney Smith   Penso che la composizione in fotografia sia molto simile al ritmo in musica. Se si dispone di grande ritmo si ha anche un grande senso della composizione. La composizione è un’eredità classica. Cioè, come le cose si collocano nell’ambiente, il loro posto e la loro grandezza, le relazioni tra gli oggetti e le persone, tra il fotografo e il suo soggetto, questi sono tutti elementi di un sentire classico.

Rodney Smith

Spazio Break

LogoBreak20png

 

 

Dal gennaio 1994 è operativo, nei locali della sede sociale, uno spazio espositivo, denominato BREAK, dedicato a mostre personali e collettive, presentate sia da soci del Foto Club che da autori esterni