Eventi FCCR

Prossimi eventi

Home

 

 

 

 

Progetto Ghirri

Ottobre 2010. Tre fotografi del Foto Club Castelli Romani, un po’ impigriti per età e per idee, durante le abituali chiacchiere che da sempre si fanno nell’ambito di un circolo fotografico, si sono ritrovati interessati, un po’ per caso e un po’ per gioco, a muoversi lungo un percorso comune: intraprendere un “viaggio” finalizzato a restituire un senso a ciò che l'occhio non vede più, perché, oramai, divenuto presenza abituale; ricollocare idealmente luoghi ed oggetti in un paesaggio ed in un ambiente quotidiani in continuo divenire, senza niente concedere alla spettacolarizzazione, al sensazionalismo, all’abbellimento ad ogni costo, a sperimentazioni meramente tecniche o a paralizzanti ossessioni estetico-formali.

Presentazione Ghirri

I Luoghi della Sosta o della Sospensione 1

I Luoghi della Sosta o della Sospensione 2

I luoghi (notturni) del transito (2)

Una riflessione attenta

 

 

Articoli Dalla Rete

Un fotografo (Luigi Ghirri) e uno scrittore (Gianni Celati) impegnati in una 'ricognizione affettiva' dei territori lungo il Po, all'indomani della rivoluzione fotografica sancita dal progetto collettivo "Viaggio in Italia".

Immagini e parole dalla sensibilità affine, che, intessute in un unico racconto, disegnano i contorni di una 'poetica dello stupore'.

 

 

 

Foto Luoghi del Transito

Carlo Andreani

Fabrizio Cimini

Luigi Conte

Bruna De Felici

Gloria Emili

Francesca Fidanzia

Claudio Salvi

Edoardo Silvestroni

 

 


 




FIAF

Appuntamenti

Concorsi

Concorsi Fotografici

Testi

RizVN Login

Autore del mese

DSC 0194 lr

Maria Antonietta Carletti

 

Frase del mese

Tiziano Terzani   Per un vero fotografo una storia non è un indirizzo a cui recarsi con delle macchine sofisticate e filtri giusti. Una storia vuol dire leggere, studiare, prepararsi. Fotografare vuol dire cercare nelle cose quel che uno ha capito con la testa. La grande foto è l’immagine di un’idea.

Tiziano Terzani

Spazio Break

LogoBreak20png

 

 

Dal gennaio 1994 è operativo, nei locali della sede sociale, uno spazio espositivo, denominato BREAK, dedicato a mostre personali e collettive, presentate sia da soci del Foto Club che da autori esterni